Festival della Scienza

Contenuti del sito

Contenuto della pagina - Torna su


Incontro

Eugenetica senza tabł

Usi e abusi di un concetto
Francesco Cassata, modera: Ferdinando Fasce
L'evento fa parte di: Attualitą
Nel dibattito pubblico italiano l’apparato simbolico del discorso ostile alla genetica e alla biomedicina contemporanee si fonda sull’impiego polemico di accezioni fortemente negative della parola "eugenetica". Si tratti di diagnosi prenatale, fecondazione assistita o terapia genica, è sempre questa parola-tabú a comparire. E ad accompagnarla è, il piú delle volte, il riferimento a uno specifico contesto storico: il nazismo. In tale discorso stigmatizzante l’eugenetica viene presentata come una forma di "pseudoscienza" fonte di violenza e discriminazioni. In forte contrasto con tale banalizzazione, negli ultimi trent’anni la storiografia ha definito un quadro sempre piú complesso dell’eugenetica nel Novecento. Alla luce di questi sviluppi Francesco Cassata ragiona sull’uso pubblico del concetto di "eugenetica", per decostruire le ambiguità semantiche, spesso strumentali, legate all’adozione del termine nel dibattito politico-culturale italiano.

Biografie

Francesco Cassata insegna Storia contemporanea all’Universitą di Genova. Č membro dell’International Working Group on the History of Eugenics and Race (Oxford Brookes University) e dell’International Network on the History of Lysenkoism (Columbia University). Ha curato, nel 2011, con Claudio Pogliano, l’Annale Einaudi su Scienze e cultura dell’Italia unita. Le sue ricerche indagano i rapporti tra scienza e politica nel Novecento. I suoi saggi pił recenti sono: Eugenetica senza tabł. Usi e abusi di un concetto (Einaudi, 2015); L'Italia intelligente. Adriano Buzzati Traverso e il Laboratorio internazionale di genetica e biofisica (Donzelli, 2013).

In collaborazione con

Giulio Einaudi editore
 

Versione stampabile

Eugenetica senza tabł
Da 16 anni
il 31 ottobre, alle 17:30
Libreria Coop Genova Porto Antico
Edificio Millo - Calata Cattaneo 1
Visualizza sulla mappa
 
Ingresso: gratuito
Fino a esaurimento posti